A fine Gennaio il nostro team di sviluppo ha completato il percorso d’integrazione del circuito di monetizzazione ADX, presente in Google DFP, all’interno della piattaforma Zodiak.

Il rilascio consente a tutti i publisher che utilizzano l’adserver DFP e gestiscono la propria inventory tramite la piattaforma Zodiak Advertising, di monitorare – in tempo reale – anche le revenue di Google ADX e di avere in questo modo la visibilità completa e aggiornata di tutte le entrate programmatic.

Rispetto alla precedente, questa nuova integrazione di Google offre agli Editori 3 importanti vantaggi:

  1. Dynamic allocation di Google supportata: nel nuovo environment il nostro account Google ADX è integrato direttamente nell’adserver DFP. In questo modo ADX concorre alla monetizzazione dell’inventory del publisher con i medesimi “privilegi” delle campagne dell’adserver e non in seconda battuta come accadeva in precedenza. Il set up permette quindi al nostro stack di concorrere su un numero maggiore di impression (ADX lavora infatti su tutto il bacino del publisher) e su un bacino premium che si traduce nell’ incremento delle performance medie rispetto l’integrazione standard, vero e apprezzabile vantaggio per l’editore.
  2. Zero Discrepancy: In questo nuovo approccio il nostro stack tecnologico è costantemente allineato con ADX. La comunicazione tra l’adserver Google DFP e la sua componente di monetizzazione ADX avviene direttamente all’interno di Google DFP, e non più attraverso le chiamate esterne.
    In pratica è la componente stessa dell’adserver dell’editore a validare i numeri e questo implica che il problema della discrepancy dei valori di impression e di revenue è totalmente risolto.
  3. Diminuzione delle latecy: l’integrazione server to server ha inoltre notevolmente migliorato la velocità di ingaggio della rete pubblicitaria di Google. Il beneficio non è solo limitato a Google ADX ma si riflette su tutta la catena del valore.  Il miglioramento è dovuto all’eliminazione di alcuni passaggi presenti nell’assetto tecnologico precedente. L’immagine rappresenta l’integrazione e il passaggio dal vecchio statement al nuovo.

Infine, il nuovo assetto:

  • supporta sia il prodotto video sia il prodotto display, mobile e web
  • offre all’editore l’accesso ad una reportistica unificata e aggiornata in tempo reale
  • consente il setting dei deal, la modifica dei  floor price, il settaggio dell’adquality direttamente dalla piattaforma Zodiak Advertising.

 


Development Team